Il colesterolo  è una sostanza grassa fondamentale per il nostro corpo, importante per produrre numerosi ormoni e per la formazione delle membrane cellulari, in particolare delle cellule nervose ma in grado di diventare dannosa se presente in elevate quantità nel sangue.

Il colesterolo viene prodotto dal nostro organismo, soprattutto dal fegato, e, in parte, assorbito attraverso gli alimenti.

La parola colesterolo proviene dal greco chole (bile) e stereos (solido), ed è stata utilizzata per la prima volta nel 1894. È di colore bianco ed ha una consistenza simile a quella della cera. È possibile trovare il colesterolo in tutti i cibi che provengono dagli animali (carni rosse, pollame, uova, latte, formaggio), mentre non è presente in nessun alimento di origine vegetale.

L’uomo produce per biosintesi autonoma la maggior parte del colesterolo necessario, negli adulti tra 1 e 2grammi al giorno. Solo una piccola parte (in media 0,1 fino 0,3, massimo 0,5 grammi) viene assunta con l’alimentazione: la maggior parte del metabolismo del colesterolo avviene nel fegato. Il contenuto di colesterolo nell’organismo umano è di circa 150 grammi.

TIPI DI COLESTEROLO

Il colesterolo totale si divide in colesterolo VLDL (a bassissima densità), LDL (a bassa densità) e HDL (ad alta densità).

Le lipoproteine a bassa densità (LDL) veicolano tra il 60% e l’80% del colesterolo sierico. Presentando molta affinità con le cellule dell’endotelio delle arterie, liberano il colesterolo sulla parete dei vasi (costituisce la placca ateromatosa nell’aterosclerosi); viceversa le lipoproteine ad alta densità (HDL) svolgono la funzione opposta, rimuovendo il colesterolo dalle arterie e riportandolo al fegato. Incerto è invece il significato del colesterolo presente nelle lipoproteine VLDL.

LDL è più comunemente identificato come colesterolo cattivo; HDL come colesterolo buono.

COLESTEROLO ALTO

Il colesterolo alto tende a essere ereditario, anche se la principale ragione degli alti livelli di colesterolo è il mangiare troppo cibo contenente grassi e colesterolo.

Alcune persone, tuttavia, hanno problemi medici che possono aumentare i livelli di colesterolo, tali malattie includono diabete, obesità, malattie genetiche o una ghiandola tiroidea che non funziona correttamente. Anche lo stress può aumentare i livelli di colesterolo, o direttamente o perché porta a mangiare più cibi grassi.

E’ stato dimostrato che maggiori sono le quantità di i grassi derivanti da prodotti animali che una persona mangia, più alto diventa il suo livello di colesterolo. Gli studi hanno dimostrato che mangiare grassi saturi aumenta i livelli di LDL e peggiora i problemi legati al colesterolo. Mangiare grassi insaturi determina effetti opposti.

SINTOMI

Molte persone si chiedono quali siano i sintomi legati al colesterolo alto: molto spesso nessuno.

Purtroppo di norma alti livelli di colesterolo non provocano sintomi evidenti, pur predisponendo ad eventi pericolosi per la vita del paziente con infarti ed ictus.

L’unico modo per evidenziare una situazione a rischio è quindi quella di procedere regolarmente ad esami del sangue.

RISCHIO CARDIOVASCOLARE

Su raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), da alcuni anni nelle analisi del colesterolo si distingue:

  1. colesterolemia totale, che deve essere inferiore a 200

  2. rapporto colesterolo totale/HDL, non superiore a 5 per gli uomini e a 4,5 per le donne

In particolare, è necessario valutare l’indice di rischio cardiovascolare: il rapporto fra colesterolo totale e colesterolo buono HDL; tale indice per un soggetto sano deve essere inferiore a 5 per l’uomo e a 4,5 per la donna. Un soggetto con colesterolo totale a 250 e colesterolo buono a 85 ha un indice di rischio a 2,94 ed è in una condizione decisamente migliore di chi ha il colesterolo totale a 200

 

Il primo e fondamentale approccio correttivo per abbassare l’indice di rischio è quello igienico-dietetico. Per questo, l’adozione di una dieta sana ed equilibrata, unitamente all’astensione dal fumo di sigaretta e alla pratica di regolare attività fisica, dev’essere considerata fondamentale.

I CONSIGLI DEL FARMACISTA

 Ad uno stile di vita appropriato, devono associarsi Integratori e farmaci in grado di abbassare il colesterolo . In questo modo, infatti, si potrà sfruttare l’azione sinergica dei due interventi.

In particolare oggi vogliamo parlarvi di Omega formula, un integratore a base di composti naturali che contribuisce alla riduzione del colesterolo cattivo – con un’alimentazione sana di base – aiutando a far tornare a livelli normali, colesterolo e trigliceridi.

E’ composto da riso rosso fermentato, semi di baobab, vitamina B6, cacao amaro e acido folico, tutti  fito-estratti  che vanno a proteggere il sistema cardiovascolare.

L’assunzione regolare di Omega Formula, unita ad una alimentazione bilanciata e ad un corretto stile di vita, aiuta a mantenere i fisiologici rapporti dei livelli LDL/HDL.

Potete trovare OMEGA FORMULA  nel nostro shop  www.farmaciasemplice.it  la nostra farmacia online!